Drvengrad

Drvengrad

Città di legno, conosciuta con tre nomi diversi: Küstendorf, Drvengrad oppure Mecavnik, è un villaggio tradizionale serbo nato da un sogno di Emir Kursturica durante le riprese del suo film La vita è un miracolo.

«Notai la collina di Mecavnik durante le riprese del film ‘La Vita è un miracolo’. Fu del tutto naturale: restavamo seduti per ore aspettando che il sole facesse capolino fra le nuvole, per poter continuare a girare. Durante l’attesa, guardavo Mecavnik pieno di desiderio, una collina come tante, ma che a me comunicava gioia, luce…».

Emir Kusturica

Con queste parole, il regista Emir Kusturica descrive i momenti in cui si legò per sempre a Mecavnik, situato sul colle di Mokra Gora tra le montagne Tara e Zlatibor, vicino al confine con la Bosnia-Erzegovina; tra la città serba di Uzice e quella bosniaca di Visegrad, resa famosa dal romanzo Il ponte sulla Drina dello scrittore Ivo Andric (Premio Nobel per la letteratura 1961).

« Ho perso la mia città [Sarajevo] durante la guerra. È per questo che ho voluto costruire il mio villaggio. Porta un nome tedesco: Kustendorf. Là organizzerò seminari per le persone che vogliono imparare a fare cinema, concerti, ceramiche, dipingere. È il luogo dove vivrò e dove la gente potrà venire a trovarmi. Ci saranno, naturalmente, altri abitanti che lavoreranno là. Sogno un luogo aperto con una diversità culturale che compete contro la globalizzazione »

Emir Kusturica

Famoso per le tipiche case in legno, Drvengrad è un museo a cielo aperto, che offre la possibilità di ritornare allo stile di vita dei nostri nonni.

L’idea di Kusturica era quella di costruire un villaggio in cui i turisti potessero approfittare di un' offerta di svago diversificata per godere di un soggiorno piacevole e originale. Vi si trovano: la galleria d'arte Macola (La Mazza), la  pasticceria,  il ristorante con cucina tipica, la biblioteca, il negozio di prodotti artigianali, una piscina coperta, il cinema Stanley Kubrick, una sauna, una palestra, un campo da basket/calcetto, una sala da biliardo...

Gli alloggi sono composti da 23 casette tradizionali, stile chalet, inserite tra esercizi commerciali e strutture di svago. Le camere sono arredate in stile etnico.

Gli appartamenti comprendono: cucina, salotto con camino, stanza da letto, bagno, TV, telefono e minibar. La strada principale porta il nome di Ivo Andric e si estende dall’ingresso alla Chiesa di San Sava, costruita, come tutti gli altri edifici del villaggio, in legno.

Altre vie della città sono intitolate a personaggi famosi, particolarmente stimati da Kusturica: Nikola Tesla, Ernesto Che Guevara, Federico Fellini, Diego Maradona, Ingmar Bergman, Joe Strummer, Bruce Lee, Miodrag Petrovic Ckalja, Novak Djokovic.

Sulla sinistra dopo l'ingresso si trova la statua di Johnny Depp, inaugurata dallo stesso attore e dal regista Emir Kustirica.




Turismo senior Serbia